COMPONENTI

DISTRIBUZIONE

Frese per Ravvivatori

  • ravvivatore-16-frese

Le FRESE, i TAGLIENTI, le FORZE, le VELOCITA’, le FREQUENZE e le PROFONDITA’ di RAVVIVATURA.

       Le esperienze vissute con le più svariate realtà industriali, ci hanno permesso di sviluppare e testare diverse soluzioni di fresatura.    Attualmente vengono prodotte essenzialmente 4 tipologie di frese, non solo per i nostri ravvivatori ma anche per altre marche.

    

  1. Fresa integrale. Fresa i fianchi dell’elettrodo e pulisce appena la parte piana.Realizzata in un solo pezzo, in metallo duro trattato.
  2. Gruppo fresa a un inserto. Fresa i fianchi e la parte attiva dell’elettrodo. Soluzione molto versatile, permette di realizzare ravvivature con forme diverse. Composta da un portafresa e da un inserto intercambiabile in metallo duro.
  3. Gruppo fresa a tre taglienti. Fresa solo i fianchi dell’elettrodo. Composta da un portafresa e da tre inserti triangolari tipo Sandvick facilmente reperibili sul mercato.

        La fresa può anche essere attiva da un solo lato, soluzione questa che viene utilizzata quando uno degli elettrodi è a rotula. L’azione della fresa si basa sul principio di utilizzare: - la forza di chiusura della pinza per determinare la profondità di taglio - l’energia pneumatica o elettrica per la sua rotazione. La forza di ravvivatura ideale è di circa 100 kg anche se è possibile ravvivare con forze finoa 350 kg.

        Gli elettrodi devono essere posizionati coassialmente alla fresa. Per ogni diametro di elettrodo e a seconda del tipo di ravvivatura da eseguire, sono richieste forze, frequenze, velocità e spessori di ravvivatura diversi. A titolo orientativo viene usata abbastanza spesso (con lamiera zincata) una ravvivatura ogni 300 punti e uno spessore di asportazione totale di 0,2 - 0,3 mm. Le velocità (trasmesse con un opportuno rapporto di riduzione) sono molto variabili a seconda che l’energia sia pneumatica o elettrica .La velocità generalmente utilizzata è di 250 giri/min.
La fresa è dotata di un incavo per la guida dell’elettrodo e di due scarichi che consentono l’evacuazione dei trucioli. Per evitare lo spargimento dei trucioli nella zona del ravvivatore, è particolarmente interessante, per l’ecologia del lavoro, il ravvivatore tipo G30, circondato da setole a spazzola che consentono alla pinza di penetrare al loro interno ma impediscono ai trucioli di fuoriuscirne.

 tondino
Ravvivatori manuali               Ravvivatori automatici
Scroll to Top

Questa web utilizza cookies proprie durante la navigazione, se continua navigando consideriamo che accetta l'uso di cookies Maggior informazione sull'utilizzo di cookies